giovedì 7 maggio 2015

Shabby chic in casa mia

Lo shabby chic (letteralmente “trasandato chic”) è uno degli stili più di tendenza in fatto di arredamento. E' uno stile che sembra essere dimesso e un po’ abbandonato a se stesso, ma che in realtà è molto curato. Io lo trovo perfetto per una seconda casa o comunque una casa sita in campagna, al mare o in montagna.
 
L’effetto shabby chic nell'arredamento può essere dato da dettagli e piccoli accorgimenti come i colori.
Proprio la scelta dei colori con cui arredare casa non è affatto secondario se si vuole avere una casa shabby chic: occorre adottare colori chiari e tendenti al pastello; il colore principale deve essere il beige, l’avorio, il grigio chiaro o il bianco.
 
 
Nella nostra casa in montagna, ad esempio, il vecchio lampadario chandelier di ottone che pende un po' triste sopra il tavolo della sala da pranzo potrebbe con pochissima spesa diventare così e rinascere a nuova vita, più allegro e luminoso. La vernice l'ho già comprata la scorsa estate e a luglio procederò al restauro, in perfetto stile shabby.
Allo stesso modo cambierò faccia a tanti altri oggetti vecchi e malandati.
 
Il legno e il lino sono i due materiali che regnano indiscussi nella casa shabby chic: i mobili dovranno quindi essere in legno, meglio se tinti di bianco slavato. E anche qui, ci siamo: la nostra vecchissima camera da letto, che era della nonna, potrebbe rinfrescarsi e ringiovanire, perché l'alternativa sarebbe stata di buttarla ed acquistare mobili nuovi, visto che sono mobili di nessun valore.
La vernice dei mobili non dovrà essere perfetta, ma dare appunto l’impressione che siano dei mobili recuperati dalla soffitta della nonna.
 
 
Infine gli elementi d’arredo che arricchiscono la casa shabby chic sono moltissimi: immancabili i cuscini le cui tinte e fantasie devono sempre avere un tocco country e naturale.
 
 
In cucina le mensole si possono impreziosire con servizi di porcellana vecchi, piatti spaiati dal sapore vintage e magari adornati con dei fiori.
 
 
Pizzi e merletti sono naturalmente i benvenuti!
 
Tra gli elementi d’arredo perfetti per evocare uno stile shabby chic ci sono anche gli utensili di latta che si trovano facilmente nei mercatini dell’usato o nelle nostre soffitte e cantine.
Non possono poi mancare fiori dai toni delicati, come ortensie, rose, camelie e mazzi di lavanda.
 
 
Gli oggetti fai-da-te sono i tocchi che renderanno unica la casa: basta poco e un po' di fantasia per dare un tocco naturale e raffinato all'ambiente.
Infine le candele: non possono mancare in una casa shabby chic!
Si possono utilizzare per decorare il camino, un tavolino, le mensole...oppure usarle in un tradizionale candelabro, oppure inserite - ancora meglio - in semplici barattoli di vetro.
 
 
 
Il lavoro questa estate non mi mancherà, che ne dite? E voi cosa pensate di questo stile?
 

(ho realizzato il post traendo notizie da http://www.leitv.it/)


 

6 commenti:

  1. La foto del lampadario che hai postato rende vagamente l'idea di quello che ho in sala, 15 luci con relative coppette ed un sacco di ciondoli in vetro. Prima o poi lo prendo a martellate, è uno strazio quando c'è da pulirlo dopo aver aperto un ombrello appeso capovolto sotto il lampadario per raccogliere i ciondoli che possono accidentalmente staccarsi e cadere durante la pulitura :-)
    Buona giornata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah!! Enrico, il mio non è eccessivamente ricco di gocce di cristallo, per cui non è mai stato un problema! E poi ti confesso che su in montagna non badiamo molto allo loro lucentezza: preferiamo andarcene a fare passeggiate!

      Elimina
  2. Ciao Lella, sì, forse in una casa di campagna per le vacanze mi piacerebbe ma pensare di vivere tutto l'anno in una casa arredata shabby...penso proprio di no. Nell'arredamento amo molto i colori scuri, i mobili di noce ecc. Le fotografie sono, comunque, molto belle.
    Ciao, un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io, Antonella, come ho scritto nel post, vedo quest'arredamento adatto per una seconda casa.

      Elimina
  3. Anche per me questo stile è adattissimo per una casa in campagna, arredata con mobili tradizionali e recuperati, magari anche con sedie "scompagnate" tra loro ma unite dal colore bianco o comunque chiaro…In un appartamento di città amo le tinte più calde e i colori naturali del legno..
    Buona serata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono d'accordo con te, Carmen.
      Buona giornata

      Elimina

Grazie d'aver commentato! La tua visita m'è sempre gradita. ♥

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...