mercoledì 4 marzo 2015

Amenti di salice

Uno dei ricordi più vivi delle primavere della mia infanzia ed adolescenza è legato agli amenti di salice, quelle infiorescenze lanuginose, simili a batuffoli grigio-argentei, che appaiono appunto a primavera sui salici in montagna e in collina.
 

Perché sono legati ai miei ricordi? Perché la mia mamma, quando s'andava in montagna dai nonni per Pasqua, ne andava a raccogliere un bel mazzo che portava a casa per noi e per darne un po' alla mia maestra che li teneva sulla cattedra fino al loro appassire.
Questa tradizione durò fino a che anche la mia sorellina terminò le elementari.
 
 
Gli amenti di questo salice di montagna (chiamato "salicone") sono gradevolmente decorativi, si addicono, a mio parere, anche nell'arredamento moderno e minimal per la loro semplicità ed essenzialità.
Teneramente morbidi come batuffoli di cotone, fanno pensare ad animaletti pelosi.
 
(illustrazione http://imgur.com/)

I salici sono alberi o arbusti diffusi in tutto il nostro emisfero; a primavera in montagna fioriscono presto e pennellano il bosco di una delicata sfumatura  d'argento.
Quando mi capita di vederli, confesso che quasi mi commuovo al ricordo dei miei giorni di bambina: rivedo il vaso sul tavolo della sala da pranzo, e il piano verde-acqua della cattedra della maestra...il vaso è anche lì, sulla destra, e in entrambi si ergono diritti i rametti di salice.
 

7 commenti:

  1. Sono bellissime le foto , ci fanno arrivare delicatamente a primavera , e ci decorano la casa a Pasqua.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, le foto che si trovano in internet sono spesso molto belle; io ricorro sempre a Pinterest (conosci?).

      Elimina
    2. Sentito nominare, ma mai usato.

      Elimina
  2. Quanta bellezza ci porta la primavera!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte le stagioni, cara Beatris, hanno i loro aspetti spettacolari; la primavera è sinonimo di delicatezza, per me.

      Elimina
  3. Ciao Lella, pensa che anche a me questi amenti ricordano l'infanzia, noi li chiamavamo "gattini" …ce li portava una zia che abitava in campagna, che bei ricordi...
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, vedi Carmen che allora l'illustrazione è fedele all'immaginario collettivo! Quel disegno degli amenti di salice trasformati in gattini bianchi non è italiano, quindi anche in altri paesi essi sono paragonati ai gatti! Come si dice: "Tutto il mondo è paese".

      Elimina

Grazie d'aver commentato! La tua visita m'è sempre gradita. ♥

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...