domenica 8 giugno 2014

Frigoriferi nella roccia

Questa non l'avrei mai creduta se non l'avessi letta io stessa!
Pensavo che i "crotti" di Valtellina e Valchiavenna fossero un fenomeno unico in Italia; invece, sfogliando una rivista di turismo e viaggi, ho scoperto un breve articolo, correlato da foto e disegni, in cui si parla dei "balmetti" di Borgofranco d'Ivrea.
 
Come i crotti, essi sono cantine ricavate nelle grotte che si crearono in epoca glaciale quando nelle montagne si produssero faglie e fratture profonde in cui l'acqua è penetrata. Evaporando l'acqua forma una corrente d'aria fredda che esce appunto dai fori, dalle grotte nella roccia.
 
Davanti a questi soffi d'aria (che in Valchiavenna chiamano "sorel") gli uomini hanno costruito con muri a secco una stanza con un camino e una cucina dove mangiare e bere; ci tengono anche il vino, i formaggi e i salumi.
 
A poco a poco si sono allargati diventando un vero e proprio villaggio con angoli e strade dove la comunità si ritrova per festeggiare i riti conviviali.
Nell'articolo si parlava di una strada statale che avrebbe alterato il delicato equilibrio dei balmetti: spero si sia trovata una soluzione alternativa perché questo nucleo di architettura spontanea (come lo sono i crotti) costituisce un patrimonio straordinario da preservare.

10 commenti:

  1. Eh, cara Lella, chissà... la nostra classe dirigente responsabile se ne impippa del mantenimento di patrimoni culturali... ho poca speranza...
    buona domenica!

    RispondiElimina
  2. Eh, purtroppo ha ragione Renata...Sai che pur essendo piemontese e abitando abbastanza vicino ad Ivrea non li ho mai sentiti nominare...sarà sicuramente meta di una prossima passeggiata.
    Buon pomeriggio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io, Antonella: lo dico nel post

      Elimina
  3. Ciao Lella, conoscevo i crotti ma non ho mai sentito parlare di questi "balmetti"…quante cose abbiamo e non sappiamo valorizzare…è un vero peccato!

    RispondiElimina
  4. mai sentito,grazie per avercelo fatto conoscere
    un abbraccio Lella

    RispondiElimina
  5. Mai sentiti nominare, Lella.

    S'impara sempre, grazie !

    RispondiElimina
  6. Leggo di questo per la prima volta. Grazie.

    Un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
  7. Adoto costruzioni del genere(non conioscevo i nomi però) e vorrei che ce ne fossero di più così sfruttate ancora, recuperate e tramandate.Spero anch'io abbiano trovato soluzione.
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà, Stefania! Ho cercato, ma non ho trovato notizie in proposito: è un fatto troppo circoscritto, forse, perché diventi di dominio pubblico.

      Elimina
  8. Senti, io sono piuttosto patriottica (e non solo sotto Mondiali) ma son giunta ad essere quasi contenta sentendo di cascine, giardini, interi borghi (tipo in Lunigiana) comperati da Inglesi che per lo meno li preserveranno dai nostri scriteriati e scellerati scempi!!!!!

    RispondiElimina

Grazie d'aver commentato! La tua visita m'è sempre gradita. ♥

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...