lunedì 19 maggio 2014

Macchiaioli

(Riflessioni nate da un vecchissimo opuscolo che stavo per buttare...e che alla fin fine ho buttato!)
 
Un gruppo di pittori visse e lavorò per alcuni anni a Castiglioncello in Toscana dove crearono una scuola di grandi "macchiaioli": Abbati, Sernesi, Borrani, Fattori, Bartolena, Cabianca, Gordigiani, Boldini, Costa, Lega, Signorini, Zandomeneghi...
 
Nei quadri dei macchiaioli che dipinsero in questi luoghi appare sempre il mare, magari una striscia, magari un luccichio in fondo al paesaggio, ma sempre visibile: azzurro, celeste, verde, rosato, a seconda della stagione e dell'ora.
 
(Raffaello Sernesi)
 
(Odoardo Borrani)
 
(Giovanni Fattori)
 
(Vincenzo Cabianca)
 
(Telemaco Signorini)
 
Sono passati centoquarantacinque anni e il mare è ancora lì, naturalmente: tenero e azzurro, o rosso e rosato, o bianco e verde; viene voglia di prendere il cavalletto, la scatola dei colori e dei pennelli e mettersi a sedere nel punto giusto per riprodurre le meraviglie di Castiglioncello.

8 commenti:

  1. I macchiaioli purtroppo quasi nessuno li ricorda salvo quelli che sono addentro nella pittura come la mia amica che è una pittrice e che ha fatto anche mostre. I suoi quadri hanno un pò dei macchiaioli.
    Purtroppo nel campo artistico ci sono lacune ovvero buchi neri, basta sentire quando fanno delle domande per TV se conoscono quello o altro e le risposte che danno......
    Grazie di questo remember e belli i quadri che hai scelto. Buona serata

    RispondiElimina
  2. Ciao Lella, a me piacciono tantissimo, avevo scritto anch'io, proprio un anno fa, un post su di loro, se ti interessa ti lascio il link:

    http://iltemporitrovatodiantonella.blogspot.it/2013/05/i-cugini-macchiaioli-alla-conquista-di.html

    Ciao, buona giornata e un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Anto, andrò a leggermelo.

      Elimina
  3. Che belli Lellina trasmettono una serenità incredibile, grazie di averli condivisi con noi! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Quanta poesia. Ma...perché mai l'hai buttato?! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sandra, l'ho buttato semplicemente perché era un vecchio depliant di una mostra che non avevo potuto visitare! L'aveva raccolto mio marito, probabilmente in qualche albergo...

      Elimina
  5. Che emozione Lella, sono proprio il genere di quadri che non mi stancherei mai di guardare…
    Ho scoperto Signorini, Fattori e altri macchiaioli da ragazzina, su di un calendario artistico che allora davano in omaggio..Ricordo che poi ritagliai le immagini e le incollai su del cartone per farne dei "quadri" per la mia cameretta!

    RispondiElimina
  6. La mia fu una scoperta COATTA, quando, in terza media, ci propinarono 'il romanzo della montagna' di Segantini (almeno... mi pare di ricordare che fosse un Macchiaiolo anche lui. O no?)
    Ma ora la mia ammirazione è sincera! Li ho ammirati ultimamente in una mostra su Impressionismo e dintorni. Ciao, grazie.

    RispondiElimina

Grazie d'aver commentato! La tua visita m'è sempre gradita. ♥

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...