mercoledì 29 maggio 2013

Una ciotola in bagno

Devo cambiare il lavabo che, dopo 20 anni di onorato servizio, dà eclatanti segni di sfinimento, essendosi ricoperto di sottili crepe nella ceramica.
Così io e mio marito abbiamo cominciato a girare per negozi, scoprendo un vero trionfo di "ciotole" rivisitate. Avete presente il vecchio catino smaltato e quella dolce atmosfera da bagno della bisnonna?
Ebbene, "fa tendenza" e la produzione moderna si adatta: ho visto tanti "catini" in ceramica, marmo, cotto, pietra, legno, acciaio, vetro, ardesia...che ricalcano le linee semplici di un tempo.
 
 
 
 
 
 
 
ecc. ecc...
Vi si discostano solo nei materiali, appunto, e nei colori: intensi blu, squillanti rossi, delicate opalescenze nelle tinte del mare.
 
Francamente questo tipo di lavabo mi convince poco perché temo che l'acqua, mentre ci si lava, finisca per inondare il pianale su cui poggiano queste bellissime ciotole...voi che ne dite?
Mi butto o punto sul classico?

9 commenti:

  1. Quel catino in ceramica con il relativo porta-catino in ferro battuto e porta asciugamani...mi ricorda un po' quello che possedeva una mia prozia..è molto bello, anche per dare un tocco di retrò...tutti gli altri moderni sono anch'essi deliziosi però!

    RispondiElimina
  2. Ciao Lella, hai perfettamente centrato il problema: è una moda e secondo me assai poco pratica...anche solo lavarsi le mani diventa un gioco di prestigio, se non vuoi allagare tutto intorno!! Ma ..de gustibus...
    Buona serata!!
    Carmen

    RispondiElimina
  3. Ciao Lella,
    ci presenti oggetti molto belli e originali, ma la praticità non è il loro forte!
    Qui mi volto a Nord ed ho i meravigliosi marmi di Carrara. Mi volto a sud-est ed ho i prestigiosi alabastri di Volterra. Quanto alla forma, quella classica non si smentisce mai.
    Buona scelta, il buon gusto che si nota nel tuo blog è una garanzia!
    Marilena

    RispondiElimina
  4. Dipende dall'uso che ne fate ed alla praticità che vi serve.

    RispondiElimina
  5. Ciao Lella, non so...sono oggetti molto belli e certamente danno un tono al bagno...però non so se mi piacerebbe vedermeli intorno per vent'anni!
    Buona scelta.
    Antonella

    RispondiElimina
  6. Lella...Non parlarmi di bagni. Ho appena finito di rifare il mio dopo 35 anni... Mai più! Non è venuto come volevo. Meglio la vecchia ceramica.
    Nel lavandino puoi solo lavarti le mani. Il materiale è delicatissimo.
    Farò qualche foto.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  7. Per me opterei per quello classico.
    Questi sono carini solo a vedersi.
    Decisamente preferisco il vecchio lavabo.
    La verità la verità..non dicono nulla va bene che qui stiamo in crisi ma questi lavabi mi danno l'impressione che mi dicano..alt, non lavarti troppo..questa è solo una battuta.
    Ciao

    RispondiElimina
  8. Ciao Lella, molto bella la poesia...
    Per i gabbiani...sai che l'ho detto anch'io ai miei compagni di gita?! Perché erano lì tranquilli e quando siamo passati si sono messi a...cantare!!
    Carmen

    RispondiElimina
  9. Gioco forza ho dovuto optare per uno quadrato, spazio piccolo ... piccolo lavabo ( a Carrara ) Ebbene hai in mente la tua prima foto Lavabo Della Nonna. Ce l'ho, leggermente diverso pi<no in marmo su cui ho posato un vassoio rotondo, l'ho piazzato del corridoio che porta al piano di una altra famiglia, nello spazio dove prima c'era una porta (chiusa durante il restauto SPAZIO dunque mio. Hanno deto che fa schiFo .... li ho mandati a stendere! Buona Estate spero di aver la volontà di riprendere a leggere e postare come prima e non solo in occasioni canoniche

    RispondiElimina

Grazie d'aver commentato! La tua visita m'è sempre gradita. ♥

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...