sabato 18 maggio 2013

Scalogno

Oggi non sapevo proprio come condire la pasta: niente di pronto e poco tempo a disposizione. Così, frugando nel frigo, son saltate fuori due salsicce che hanno contribuito alla preparazione di un primo rustico e saporito: la pasta con salsiccia e scalogno.
In 20 minuti è stata pronta, giusto il tempo di far bollire l'acqua e lessare delle pennette.
Di scalogni ne ho usati quattro, affettati ben sottili e appassiti a fuoco basso nel burro: formano un sughino morbido e dal gusto inconfondibile.
 
Un gusto aristocratico quello dello scalogno, una via di mezzo tra aglio e cipolla, che può sostituire con un risultato più raffinato.
Io ormai l'ho quasi sostituito del tutto alle cipolle; lo uso anche per preparare delle croccanti e gustose cotolette di vitello impanate.
(foto tratta da Donna Moderna)
 
Lo trito fine fine, lo faccio stufare pian piano nel burro in cui poi friggo delle fettine di vitello impanate col pangrattato aromatizzato con un mix di erbe di Provenza.
 
Crudo invece non mi piace, anche se così fa bene perché ha proprietà antiossidanti; tra le altre virtù del nostro bulbo c'è il fatto che disintossica e depura l'intestino e i reni, stimola l'appetito e favorisce digestione e diuresi.
Grazie, quindi, ai Crociati che, di ritorno da Ascalona (da cui il nome Allium ascalonicum), lo importarono in Europa tra il XII e il XIII secolo.

10 commenti:

  1. Ciao Lella! Io non amo molto lo scalogno (e neppure l'aglio in verità) mentre la cipolla un po' la uso ..ma non troppo!!
    Buona domenica
    Carmen

    RispondiElimina
  2. Ciao Lella, anch'io adoro lo scalogno e lo uso tantissimo anche in sostituzione della cipolla. Che bella idea dedicargli un post.
    Ciao, buon fine settimana.
    Antonella

    RispondiElimina
  3. Mi hai fatto venire l'acquolina in bocca, malgrado l'ora.
    La panatura con erbe è un'idea eccellente, dona al piatto un gusto originale!
    Buona domenica! Renata

    RispondiElimina
  4. Non commento la ricetta, ma vorrei dirti che hai scelto una copertina bellissima, i papaveri sono i miei fiori, in assoluto, preferiti...peccato che non si possano conservare!
    <3

    RispondiElimina
  5. Anch'io l'uso moltissimo ma lo faccio appassire piano piano con l'acqua il grasso cotto non va bene per me e forma una salsina lo stesso e poi alla fine un velo di olio evo oppure una piccola noce di burro a crudo lo trovo buono lo stesso e molto più leggero per me. Buona domenica.

    RispondiElimina
  6. Un passaggio e un caro saluto

    RispondiElimina
  7. Evviva lo scalogno, allora.

    Non ti manca proprio la creatività in cucina...

    Buon pomeriggio, Lella.

    RispondiElimina

  8. Mi piace lo scalogno,è più delicato della cipolla e lo uso al suo posto molte volte.

    Scalogno e salciccia io oggi ci ho fatto il risotto,ho aggiunto un pò di grana e burro, ed il pranzo è servito!
    Ciao Lella e buona settimana.
    Magda

    RispondiElimina
  9. ottimi suggerimenti,bello il tuo post "in blu"
    baci

    RispondiElimina
  10. Gli ho visti sui fossi e tra il grano i papaveri rossi, un'allegria fantastica: la speranza che dona la Natura!

    RispondiElimina

Grazie d'aver commentato! La tua visita m'è sempre gradita. ♥

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...