sabato 14 luglio 2012

In vacanza!

Un affettuoso saluto a tutti
Ci rileggeremo a fine agosto!
Lella

lunedì 9 luglio 2012

Mare


“Questo mare è pieno di voci
e questo cielo è pieno di visioni.”
(Giovanni Pascoli)

mercoledì 4 luglio 2012

D' estate

Le cavallette sole
sorridono in mezzo alla gramigna gialla;
i moscerini danzano nel sole
trema uno stelo sotto una farfalla.
(Giovanni Pascoli)


lunedì 2 luglio 2012

L'affascinante ortensia

L'ortensia è il mio fiore preferito. La amo perché è un fiore bellissimo, che mi fa pensare a vecchi giardini, a vialetti di sassolini, fontane di pietra, vasi ricamati dal muschio di tante stagioni.
Ma anche perché è legata ai miei affetti, all'infanzia, alla mia famiglia.
In montagna ne abbiamo diversi cespugli, tra cui uno enorme che, forse non ci crederete, ha quasi la mia età! Lo piantò la mia nonna quando ero una bambina e sicuramente avrà una cinquantina d'anni. Ad ogni estate ci accoglie con l'esplosione dei suoi grandi fiori rosa e azzurri (eh, sì, perché l'ortensia assorbendo i minerali dal terreno può colorare i suoi fiori di varie tonalità che vanno dal rosa chiarissimo all'azzurro),
talmente tanti che ne approfittiamo sempre per portarne qualcuno in casa per farne mazzi generosi dall'aspetto vellutato. Le disponiamo in cesti o in vecchie brocche di ceramica dove seccano assumendo colori delicati e discreti: così continuano ad arredare la casa fino all'estate successiva.

Premio Almohada


Questa volta il premio me l'ha offerto la mia omonima Lella.
E' un premio che va a quei blog che ci appassionano e ci emozionano . . .

Le regole consistono nell' esprimere se stessi con tre frasi e io scelgo:
  • "Le piccole cose semplici mi rendono felice."
  • "Non sono coloro che sanno parlare meglio che hanno le cose migliori da dire."
  • "La parola è d'argento, il silenzio è d'oro."
Poi occorre nominare tre canzoni che ci piacciono e io dico:
  • "The passenger"  (Iggy Pop)
  • "Civil War" (Guns'n'Roses)
  • "Summertime" (Janis Jopling)
Bisogna esprimere un desiderio ed io l'ho fatto e scrivere una parola che lo rappresenti:
  • volontà
Infine, come sempre, nominare 7 blog che rispondano ai requisiti: tutti voi, chi in un modo chi nell'altro, suscitate in me delle emozioni e leggervi mi diverte. Non so chi scegliere . . . vabbè, per questa volta facciamo:
Se passeranno da me potranno ritirare il premio da qui


domenica 1 luglio 2012

Il gioiello del Conero

Da Ancona, la mia città, in poco più di 10 km. si arriva a Portonovo.
Portonovo non è un paese, ma un insieme di splendide baie con una falesia bianca che precipita in un mare limpidissimo, colorata dal verde dei boschi del Conero.
Giunti a destinazione, una piazzetta vi accoglierà per convogliarvi verso spiagge straordinarie di ghiaia, sassi e scogli, quasi cesellate nella falesia.
Dopo esservi ristorati sulla spiaggia "della Vela", cullati dallo sciabordio del mare, a pochi metri potrete oltrepassare un cancello per entrare in un piccolo slargo ombreggiato da ulivi secolari. Qui, ai piedi del monte Conero, sorge una chiesetta romanica che volge le spalle al mare: è bianca come la spiaggia vicina e abbaglia lo sguardo alla luce del sole.

Fu costruita intorno all'anno 1000, non si sa da chi, con annesso un monastero che venne distrutto da un terremoto nel '300. Da lì seguirono secoli d'abbandono anche per la chiesa fino al 1995.

E' un gioiello d'arte romanico-lombarda con una sobria facciata e una cupola di gusto bizantino: una struttura austera, alleggerita da archetti e bifore e colorata dai coppi rossicci del tetto.
L'interno è grazioso, discretamente illuminato dal sole che filtra dalle finestre creando giochi di luce sulle poderose colonne e sul bel pavimento a disegni geometrici in pietra e cotto.
Usciti dalla chiesa vi investirà di nuovo l'aria salmastra e il rumore delle onde vi inviterà ad ammirare, dopo un paio di bracciate, la bellezza di Santa Maria di Portonovo dal mare.

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...