giovedì 20 dicembre 2012

Ho finito di leggere...

Ho finito di leggere "Se morisse mio marito" di Agatha Christie, un giallo del '33 che ha come protagonista Hercule Poirot.
La trama è questa (gentilmente concessami da google Libri):
 
Una proposta molta insolita quella che Poirot riceve dalla celebre diva Jane Wilkinson: cercare di convincere il marito di lei a concedere il divorzio. Poirot, incuriosito, accetta ma scopre che la cosa è ancor più strana di quanto si aspettava: il marito, il vizioso Edgware, infatti aveva già ampliamente acconsentito a divorziare. Quando poi, qualche giorno dopo, il nobiluomo viene assassinato, e l'ispettore Japp arresta la moglie, sospettata del delitto, Poirot può intervenire a ragion veduta. Che movente poteva avere infatti la meravigliosa Jane Wilkinson? La faccenda però sembra più complessa di come appare a prima vista. Com'è possibile che testimoni attendibili abbiano visto alla stessa ora la stessa persona in due punti lontanissimi della città? E come risulta coinvolta nel caso l'attrice Carlotta Adams divenuta famosa proprio come imitatrice della Wilkinson? Le cellule grigie di Poirot si mettono in moto, ma questa volta il celebre investigatore riuscirà a venire a capo della faccenda con un ritardo che potrà risultare fatale a qualcuno.

Premettendo che Agatha Christie non mi piace, confesso che il libro mi ha deluso perchè, dopo aver letto "Dieci piccoli indiani" (il mio primo giallo della Christie, che non mi aveva entusiasmato, nonostante sia il libro giallo più venduto in assoluto), mi aspettavo di trovare qualcosa che mi convincesse di più.
Sarà che in generale non amo molto i gialli...
Comunque è un buon libro: la trama è costruita con maestria e le doti letterarie della Christie sono confermate. Ho capito che questo è lo stile della scrittrice: fornire tanti piccoli indizi che darebbero al lettore la possibilità di risolvere il mistero da solo, ma mescolare le carte in tavola fino al colpo di scena finale.
 
Se siete fan di Agatha perdonatemi: ripeto, non amo i gialli in generale!

16 commenti:

  1. Ciao Lella, io invece amo i gialli "classici" e alcuni li ho letti più volte, proprio perché mi piace il racconto e lo stile e non solo per vedere chi è l'assassino!
    Ultimamente però preferisco leggere cose diverse, in biblioteca ho trovato libri molto piacevoli, anche di autori che non conoscevo prima..buona giornata!!
    Carmen

    RispondiElimina
  2. Ricordo di averlo letto tanto tempo fa ma so che era bello e dovrei averlo ancora lo cerco e lo leggo di nuovo ciaooo.

    RispondiElimina
  3. Dieci piccoli indiani mi era piaciuto molto ma confesso che è l'unico libro della Christie che abbia mai letto.
    Baci!

    RispondiElimina
  4. E' da leggere... ma per il nuovo anno... ora sono presa da troppe cose...

    Tantissimi auguri di buon Natale a Te ed ai Tuoi cari.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ciao Lella,
    io sono una fan di Agatha e ti perdono volentieri, guai se piacessero a tutti le stesse cose, che monotonia!
    Se mi capita leggerò questa avventura dell'ineffabile Belga. Intanto ti auguro un serenissimo Natale:)
    Marilena

    RispondiElimina
  6. Non amo neanch'io i gialli, poco anche nei film...se mi capita mi adeguo.

    Lella
    intanto ti lascio anche gli auguri per un Sereno Natale a te e famiglia....poi se capita te li rifaccio. :-)
    ciaoo e un abbraccio
    Magda

    RispondiElimina
  7. Non amo neanch'io i gialli, poco anche nei film...se mi capita mi adeguo.

    Lella
    intanto ti lascio anche gli auguri per un Sereno Natale a te e famiglia....poi se capita te li rifaccio. :-)
    ciaoo e un abbraccio
    Magda

    RispondiElimina
  8. azzz.... io amo i gialli :-(
    un caro saluto Lella
    e Felice Natale a Te e chi ti sta vicino!

    RispondiElimina
  9. ciao Lella
    tantissimi auguri
    e ho chiesto alla neve di fare un salto da te e renderti felice, chissà se mi ascolta......

    ciaoooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  10. Ciao... di Christie ho letto solo un libro da ragazza e manco ricordo il titolo... non mi piaceva.
    Questione di gusti.
    Buon Natale cara, e che il nuovo Anno sia migliore .
    Un abbraccio e grazie dei tuoi auguri!

    RispondiElimina
  11. Ciao!! Giro il libro alla mia Superzia di Milano che invece è una sua fan. Io no, anche se amo il genere giallo, magari più tosto. Dieci piccoli indiani, letto aaaaaaaaanni fa, mi aveva divertito molto!
    Tanti auguri, cara Lella, se riesco ad andare a Milano ti penserò da l'.
    Auguri anche ai tuoi gentili ospiti. :)

    RispondiElimina
  12. Stupendo, me lo portai all'ospedale quando fui operata nel 1995. Quando lo vide la Dottoressa, una mia Amica che purtroppo non c'è più, mi guardò "male" disse:
    Povero Fanciulli (cognome di mio marito)!

    Adoro la letteratura gialla del tipo anglosassone (non amo i polizieschi), ormai non ne trovo più di non letti!

    Buon Natale!

    RispondiElimina
  13. Mia cara, son passata a farti gli auguri per un Sereno Natale! un abbraccio forte forte! Renata

    RispondiElimina
  14. Ciao Lella!
    I libri gialli e pure i film di questo genere mi mettono ansia..ehehehehe
    Buon Natale cara Amica,per te e la tua famiglia che siano giorni di gioia <3
    Bacio e abbraccio grandissimo :DDD

    RispondiElimina
  15. Ciao Lella, ti lascio i miei auguri per un felice Natale.
    Antonella

    RispondiElimina
  16. io amo i gialli....ma i film!
    trovo sempre, o quasi l'assassino dopo 20 minuti eheheheh!
    io adoro simeneon ma i suoi romanzi!

    RispondiElimina

Grazie d'aver commentato! La tua visita m'è sempre gradita. ♥

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...