giovedì 29 marzo 2012

La data di scadenza



In tempi di salutismo e di attenzione quasi maniacale al cibo, capita di eliminare dal frigo e dalla dispensa prodotti che si potrebbero ancora tranquillamente consumare.
Non bisogna essere troppo rigidi con le date di scadenza, perchè c'è differenza tra "consumare entro" e "consumare preferibilmente entro . . ."
La prima dicitura indica una scadenza tassativa dovuta alle reazioni di deterioramento innescate nel cibo da microbi e batteri, come nel caso delle uova, del latte e dei suoi derivati, della carne e del pesce.


La seconda dicitura significa che, dopo la scadenza, il prodotto perde alcune delle sue proprietà, ma non si trasforma in cibo "killer"; per esempio le verdure in busta: non fanno male, però perdono vitamine  e sali minerali preziosi.
Contano anche le condizioni di conservazione: luce e temperatura elevata accelerano la perdita di alcune proprietà, come nel caso dell'olio d'oliva.


Dunque, rispettare la data di scadenza è importante, ma è altrettanto importante conservare i cibi nel modo corretto, in modo da mantenerne intatte il più a lungo possibile le proprietà.
Questo discorso vale soprattutto per gli alimenti freschi, che vanno tenuti in frigorifero. Qui bisogna tenerli coperti o avvolti nella pellicola o nell'alluminio.
Dal punto di vista igienico è ancora più sicuro metterli all'interno di un contenitore apposito per cibi, con coperchio e realizzato con materiale atossico.

Perchè ho scritto questo post oggi? Perchè ho buttato a malincuore una bella vaschetta piena di mozzarelline . . . sigh! che avrei mangiato volentieri stasera.

14 commenti:

  1. Ufff...hai ragione. Mi capita rarissimamente...ma capita . E lo vivo quasi come un delitto.

    RispondiElimina
  2. Ciao Lella! E' vero..un tempo non succedeva, si faceva la spesa ogni giorno nel negozio sottocasa..Ora con le maxispese al super, i vari 3x2 e compagnia bella...bisogna stare attenti, altrimenti il risparmio viene vanificato!
    Buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  3. Adesso che sono in pensione faccio la spesa giornalmente...quindi non mi capita più.
    P.S I pensionati poi devono fare attenzione ad arrivare a fine mese...Baciooooo

    RispondiElimina
  4. bell' argomento,io controllo sempre le scadenze, anche se "prolungano" quelli disonesti, :-)
    un abbraccione
    sempre bello a leggerti!

    RispondiElimina
  5. Ciao Graziella,quello che è scritto nel post può sempre servire,grazie,buona serata ;)

    RispondiElimina
  6. sto facendo la spesa giorno per giorno, anzi cerco di rimandare il più possibile, proprio per evitare di sprecare, dato che mia figlia a casa mangia poco e devo badare solo a me stessa! poi a volte son presa dalle mie velleità culanarie e devo distribuirle o congelarle!!!

    RispondiElimina
  7. Post interessante
    oggi forse è meglio ritornare a fare la spesa sotto casa.
    Dico questo perche non amo congelare e ho la fortuna di avere sotto casa macelleria, salumeria e fruttivendolo...ma a volte congelo
    Sono molto attenta alla scadenza come tutti del resto.
    Grazie, ciao

    RispondiElimina
  8. Ciao Lella ben fatto ma quello che mi fa più nervoso e che i prodotti che vengono imbustati dagli ipermercati tipo formaggi, ritagli di salumi, pesce e altro hanno solo la data di confezione ma non hanno l'obbligo di mettere la scadenza e non trovo giusto quindi attenti io di solito quelle confezioni non le prendo mai perchè non sono nemmeno certa sul sottovuoto e tante volte ho visto confezioni ...grigie...qualche buchino... Ciaoooo

    RispondiElimina
  9. Come dici tu, non tutte le scadenze vanno rigorosamente osservate. Mia figlia è maniaca e mi rimprovera perchè io consumo alcuni prodotti dopo la scadenza, quelli del "preferibilmente". Le ho già spiegato molte volte che sono cresciuta al tempo nel quale la pasta era conservata al negozio in cassetti col vetro davanti e, oltre a vedere bene il tipo di pasta, si vedeva qualche "cosina" camminare in giro. Altri tempi..

    RispondiElimina
  10. cerco di stare molto attenta.
    visto quello che costa .
    buon fine settimana Lella
    e serena domenica delle Palme.

    ciaoo

    Magda

    RispondiElimina
  11. è vero !!!
    sappi che il latte spesso e voentieri dura 2 giorni in più dalla scadenza sulla confezione.
    sì....vuol dire molto come si conservano i cibi!
    post interessante lella!
    un bacio♥

    RispondiElimina
  12. ...dimora ancora una mozzarella scaduta da una settimana, dimentico di buttarla. Domani pulirò il frigo, la farò a pezzetti e la porterò nell'angolo della composta, vedrai che le gazze e i merli non la scarteranno. In genere uso nel giusto modo, può capitare una svista. Disturba alienare cibo. Un bel Post Ciao Lella!

    RispondiElimina
  13. Ciao Lella!
    Niente di più' facile che cambino la data di scadenza e la prolunghino sui prodotti definiti freschi,formaggi vari per fare l'esempio
    Buon week

    RispondiElimina
  14. Quando acquisto un prodotto, specie se è in offerta, presto sempre attenzione alla data di scadenza, che potrebbe essere non molto lontana.
    Certo se si incappa in azioni truffaldine tese ad alterare tale data si possono correre spiacevoli rischi.

    RispondiElimina

Grazie d'aver commentato! La tua visita m'è sempre gradita. ♥

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...