mercoledì 25 maggio 2011

Passeggiata sul Monte Conero

"In quel loco fu' io Pier Damiano,
e Pietro Peccator fu' ne la casa
di Nostra Donna in sul lito adriano."

(Divina Commedia, Paradiso, canto XXI, versi 121-123)

Pare che Dante in questi versi si riferisca alla chiesetta di Portonovo, che sorge sul mare a pochi chilometri da Ancona.

(eccola in un quadro della mia amica Violetta)

Portonovo è una deliziosa baia, dominata dal Monte Conero.
Ed è sul Monte Conero che domenica, in compagnia di simpatici amici, io e mio marito abbiamo fatto una bella scarpinata.

Il Monte Conero o Monte di Ancona in realtà è una collina, ma per il suo aspetto maestoso, per i suoi sentieri alpestri, per gli strapiombi altissimi con panorami mozzafiato e per le attività che vi si svolgono tipiche della montagna, viene definito "monte". Ha le rupi marittime più alte di tutto l'Adriatico italiano!

E' ricoperto di boschi, per la maggior parte costituiti da macchia mediterranea;  il suo nome deriva dal corbezzolo, meravigliosa pianta dai frutti globosi e ruvidi tipica di questa zona, ma l'albero più diffuso è il leccio. In questo periodo spettacolare è la fioritura delle ginestre.
Il Conero spicca lungo la costa marchigiana come una cupola verde scuro che digrada nel mare ed offre panorami spettacolosi a chi si avventura per i suoi sentieri, che qui chiamiamo "stradelli".
Ci siamo arrampicati (che fatica!) nel bosco, tra canti d'uccelli e aromi di ginepro e foglie secche. La salita è stata per me abbastanza faticosa poichè sono poco allenata alle camminate e la giornata era piuttosto calda.
Per fortuna, una volta in cima, ci siamo ristorati con un fresco aperitivo (Spitz e stuzzichini) e un pranzetto a base di pesce del nostro Adriatico.
I panorami da lassù sono ampi e spettacolari: l'Adriatico brillava con i suoi colori verde-azzurri . . . peccato per la leggera foschia nell'aria.

Dopo il pranzo abbiamo sostato pigramente nel cortile dell'ex convento dei Camaldolesi (ora trasformato in albergo) che sorge in cima al Monte: un luogo suggestivo ed evocativo.


La discesa è stata, devo dire, più impegnativa della salita, ma ne è valsa la pena!

2 commenti:

  1. Che bella passeggiata!!!
    Adoro questi panorami di mare e monti...
    Attraverso le tue parole... mi sono immersa in questo luogo fantastico e ho camminato piacevolmente, per un pò, insieme a te.
    Grazie
    Un bacio ed un sorriso

    RispondiElimina
  2. Ciao Lellina, che magnifici posti, ci sono stata due estati fa..la chiesetta di Portonovo poi è stupenda! Sono appena tornata dall'Elba e leggere di lecci, corbezzoli e ginestre..ne sento ancora il profumo! A presto
    Carmen

    RispondiElimina

Grazie d'aver commentato! La tua visita m'è sempre gradita. ♥

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...